Istituto Superiore “Sanità”?.. Sicuri?

Elettrosmog TIPS: Questo articolo per commentare quanto letto pochi giorni fa dall’ Istituto Superiore di Sanità (ISS),  leggendo l’articolo originale di cui lascio il link qui in fondo.

elettrosmog-upsc

Sono anni che

mi imbatto in questo tipo di articoli, e riscontro sempre la stessa contraddizione benché mascherata o annebbiata in modo diverso, ammettono che non vi sono evidenze scientifiche che i campi non siano nocivi, mentre allo stesso tempo dichiarano candidamente che telefoni e stazioni radio base e antenne 5 (G) sono innocue. 

 Lo stesso articolo

riporta come l’esposizione a campi elettromagnetici oltre  i 10 ghz sia ad oggi ancora terreno inesplorato, ovvero come non vi siano al momento studi che possano certificare l’assoluta innocuità di questi Campi, viene riportato che l’esposizione a radiazioni oltre i 10 ghz non ha evidenze scientifiche che possano accertarne la dannosità. Istituto Superiore “Sanità”?.. Sicuri?

mentre qualche riga più sopra viene riportato che tali studi non sono ancora stati completati e soprattutto non ne sono stati effettuati di seri e non possono escludere con certezza la pericolosità di questi campi ad alta frequenza.

Evidentemente è più importante continuare ad avallare le richieste delle multinazionali della telecomunicazione piuttosto che eseguire studi più seri e mirati che portino a risposte concrete ed affidabili, mi viene il dubbio ogni volta che leggo questo tipo di articoli, che questi studi siano già stati fatti, che quello che manca sia solamente la diffusione dei risultati.

elettrosmog-000x0

Penso ogni giorno

con più convinzione che l’effetto di queste microonde sull’organismo sia a tutt’oggi ben noto, e non siano solo gli studi dell’Istituto Ramazzini di Bologna a confermarlo, ma ne siano ben consci anche gli studiosi più assoggettati al sistema.

 L’unica cosa che non si vuole e’ però la diffusione di questi dati e di queste notizie a livello ufficiale, che provocherebbe panico generalizzato e l’immediato arresto della diffusione delle nuove tecnologie di telecomunicazioni, compreso il 5 (G).

Non voglio con questo affermare che le onde ad alta frequenza siano assolutamente nocive, invece affermo con grande forza quanto scorretto sia il comportamento di certi enti e di certi studiosi che pur sapendo che non vi è certezza ne sicurezza non si affrettano a creare protocolli di studio approfonditi per sviscerare la questione, per chiari motivi di portafoglio.

istituzioni colluse istituzioni colluse elettrosmog elettrosmog