Elettrosmog TIPS
Tech-Guardian

spiegare la richiesta

 di aumentare ugualmente i limiti? Bene, la richiesta viene giustificata dal fatto che INNALZANDO I LIMITI SI COMBATTEREBBE LA MALA-INFORMAZIONE SUL 5G! e ci si allineerebbe al resto d’Europa.

Avete capito bene! Queste compagnie installatrici di impianti radio base, (assolutamente prive di conflitti di interesse!!!) richiederebbero al governo l’innalzamento dei limiti a 61v/m per combattere le fake-news sul 5g !! 

Potrei anche non aggiungere altro, sono sicuro che questo basta ed avanza a mettere in evidenza quali siano le priorità di questi individui, credo abbiate capito che non è certo la vostra salute, ma vorrei ricordare all’autore del sopra citato articolo che AD OGGI 23-5-2021, l’unico studio ufficiale internazionale presentato all’OMS nel 2018 attesta che vi sia: “LA NECESSITA’ DI ULTERIORI STUDI PER ESCLUDERE EFFETTI DANNOSI SULLA SALUTE” Questo significa che chiunque affermi che il 5G è innocuo afferma IL FALSO e produce fake-news!Personalmente sarebbe inaccettabile, avrei già venduto l’appartamento, invece si tratta di una condizione molto comune, e ve ne sono anche di ben peggiori che però rientrando nei limiti di legge e vengono chiaramente snobbate con frasi rassicuranti del tipo: “Non si preoccupi è ben al di sotto dei limiti”

Elettrosmog Tips: E’ INCREDIBILE la sfacciata arroganza e mancanza di responsabilità da parte degli interessati allo sviluppo delle telecomunicazioni!

Quelle che leggo ultimamente sulle testate giornalistiche del settore sono interviste SCANDALOSE. Il 100% degli intervistati si prodiga in tutti i modi per affermare che è tutto apposto, che la scienza ha decretato l’innocuità delle nuove tecnologie, che ci sono troppi complottisti e vanno zittiti.

elettrosmog

Ed io mi chiedo

con quale faccia questi individui, palesemente in conflitto di interessi, abbiano il coraggio di parlare? si tratta di dirigenti, sindaci, assessori, ministri, consulenti, imprenditori, banchieri, giornalisti.

TUTTE PERSONE COLLUSE! Tutti hanno interesse a fare avanzare i lavori e fare arrivare finanziamenti, tutti hanno interesse ad INCASSARE la loro parte, quindi si spalleggiano, si intervistano, si pubblicano, si sponsorizzano  in barba a ciò

campo elettromagnetico

..che veramente

è stato provato, e cioè che il pericolo dei campi a microonde è assolutamente reale, riconosciuto dall’OMS (per quanto inaffidabile essa sia).

Ma sappiamo bene che quando serve alla causa l’OMS è la voce di Dio, mentre quando è ostile diventa un cialtrone da snobbare. Ed io rimango sempre spiazzato quando vedo cotanta sfacciataggine e spudoratezza, mi viene un senso di nausea reale ed un fastidio fisico

commentare questo 

articolo che ho letto di recente, vorrei far notare l’enorme e malcelata contraddizione che traspare, atta a nascondere le vere ragioni della volontà di innalzare i limiti italiani sull’elettrosmog.

Leggendo l’articolo vi accorgerete che l’autore mette subito in’evidenza come NON sia necessario avere maggior margine in fatto di limiti di emissione,  questo per il fatto che le nuove frequenze necessiterebbero di maggior prossimità e minor potenza, questi 2 fattori implicano l’impossibilità fisica di arrivare ad alti livelli di rilevazione CEM, ma anzi, quello che dovrebbe accadere è una riduzione della potenza di emissione degli apparati base, che essendo più vicini e direttivi non avrebbero bisogno di irradiare grandi potenze e quindi di produrre grandi livelli di rilevazione.

Ogni struttura rappresenta un’ostacolo per le radiazioni, amenochè non si tratti di strutture completamente isolanti come ad esempio la plastica, è infatti sufficiente una piccola conducibilità elettrica per modificare il campo elettrico delle antenne radio base. elettrosmog

vi sono però materiali, come quasi tutti i metalli, che incidono grandemente, e questi metalli sono presenti in grande quantità nei muri di cemento armato, che è altresì intriso di umidità che come sappiamo penetra nei muri senza grandi problemi. Questi 2 fattori (metallo+acqua) rendono i muri di casa un buon schermo per le radiofrequenze.. ma non per tutte! schermare muro elettrosmog

Infatti più ci abbassiamo di frequenza minore sarà l’ininfluenza dei muri, mentre più ci alziamo maggiore sarà la schermatura che essi andranno a creare.

Molti di voi avranno infatti sentito le polemiche riguardanti il taglio degli alberi e l’abbattimento degli ostacoli per fare in modo che le frequenze 5 (G) siano libere di scorrazzare, ed infatti è proprio così ! Quelle frequenze sono talmente elevate che risentono anche della minima conducibilità grazie alla loro cortissima lunghezza d’onda.

stop 5g

Ma qual’è la situazione attuale? con gli impianti presenti oggi?

Mi sono recato su un’albergo di 6 piani che ha di fronte una SRB di medie dimensioni ed ho misurato all’intero ed all’esterno.

Come potete vedere il video conferma che la schermatura delle strutture murarie sulle frequenze di circa 2ghz è già elevata, siamo nell’ordine del 60% su un fascio diretto a distanza di circa 60m.

Mi trovavo all’interno del cono di flusso massimo e come si evince dalle misurazioni, la situazione per chi vive in quelle condizioni non è certo rosea, Quando si è sulla grande terrazza si hanno oltre 4v/m mentre nella stanza da letto in prossimità delle finestre quasi 1.5v/m che si riducono a 1.2v/m a centro stanza. scherm

elettrosensibili mi sono

 imbattuto in questa bellissima vignetta, che riassume in modo esaustivo quelli che sono i consigli e le abitudini da applicare per essere sottoposti il meno possibile all’elettrosmog che tutti abbiamo in casa e fuori.

Nel giro di 2 minuti si può facilmente metabolizzare il primo basico sistema per proteggerci da tutti gli aspetti che dipendono (in parte) da noi.

Migliorando i nostri comportamenti saremo direttamente meno esposti e quindi già con un vantaggio rispetto al restante 99,99% della popolazione, che non è poco!

il limite massimo di esposizione al campo elettrico a radiofrequenza (CEMRF) è di 20 Volt/metro (40 V/m per le onde centimetriche), ma si tratta di un limite valido per esposizioni brevi od occasionali, mentre il tetto di radiofrequenza (valore di attenzione) per il campo elettrico generato dalle radiofrequenze, per esposizioni all’interno di edifici adibiti a permanenza non inferiore a quattro ore giornaliere, è di 6 Volt/metro (DM 381/ 98 e DPCM 8/7/2003).

Gli enti, le associazioni, i comitati cittadini sottoscritti sono preoccupati per la tutela della salute e dell’ambiente e lo sono ancora di più dopo che la Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni della Camera ha espresso parere favorevole alla valutazione dell’innalzamento dei limiti di esposizione elettromagnetici correlati a un rischio emergente di inquinamento, dettato anche dalle nuove esigenze di digitalizzazione, tra cui lo sviluppo della tecnologia 5G. 

Non siamo affatto preoccupati dello sviluppo di digitalizzazione per il nostro Paese, servizio e tecnologie che la pandemia ha messo in evidenza come auspicabili e necessari anche per superare le disuguaglianze sociali che abbiamo vissuto in questi mesi; ma il parere del 24 marzo u.s., espresso dalla IX Commissione Permanente della Camera, circa la proposta di adeguamento dei limiti di immissione elettromagnetica (Osservazione 15) a quelli vigenti nei Paesi Europei meno cautelativi in materia, di 61 V/m, suscita in tutti noi grande preoccupazione.  

Il limite di 61 V/m non tiene conto delle numerose evidenze scientifiche che hanno ormai dimostrato la presenza di effetti biologici non termici anche molto gravi, fino a forme tumorali.

 
di una prima infarinatura

ma già molto utile quando non vi siano altri particolari problemi o preoccupazioni, infatti se non avete antenne attaccate a casa o situazioni particolarmente allarmanti, con questi piccoli accorgimenti potrete eliminare già un buon 50% dell’esposizione.

Per passare ad

uno step superiore basta guardare i miei video alla sezione “FORMAZIONE” che trovi nel menu del sito, avrai informazioni più approfondite ed imparerai tecniche di schermatura vere e proprie.

Per ora, come prima infarinatura, stampa nella memoria questa immagine ed i consigli che riporta e non dimenticarli, è un’ottimo punto di partenza per la conoscenza dei campi elettromagnetici e dei rischi ad’essi connessi.

Alla Prossimain proposito, che i livelli di riferimento di cui all’allegato III della Raccomandazione del Consiglio CE 1999/519/CE di 61 V/m, validi solo per gli effetti termici, unici effetti considerati nella Raccomandazione, risultano 100 volte superiori a quelli italiani, quando confrontati con i nostri valori di attenzione. Infatti, la stessa Raccomandazione nel Considerando, precisa che: “l’obiettivo è la protezione della popolazione e pertanto essa si applica in particolare ai luoghi in cui singoli cittadini permangono per un tempo significativo rispetto agli effetti contemplati dalla presente raccomandazione” – e perciò i livelli di riferimento della Raccomandazione vanno confrontati con i valori di attenzione, non con i limiti di esposizione, italiani –  e che “gli Stati membri hanno facoltà, ai sensi del Trattato, di fornire un livello di protezione più elevato di quello di cui alla presente Raccomandazione” – cioè i tetti di radiofrequenza italiani sono adeguati a quelli europei perché sono contemplati come quelli adottati dai

elettrosmog tips tech-guardians campi elettromagnetici

campi elettromagnetici campi elettromagnetici campi elettromagnetici campi elettromagnetici campo elettromagnetico campo elettromagnetico campo elettromagnetico campo elettromagnetico campo elettromagnetico

campo elettromagnetico elettrosmog elettrosmog

elettrosmog elettrosmog elettrosmog elettrosmog stop 5g stop 5g stop 5g stop 5g stop 5g stop 5g 

..quando mi rendo conto del castello di letame che ci stanno costruendo sopra la testa, senza che la maggior parte di noi se ne accorga, ma anzi, con la nostra colpevole ignoranza a dare man forte alla causa che renderà le prossime generazioni quelle più in pericolo della storia, nemmeno Hitler era pericoloso come questa schiera di superficiali servi del denaro.

La Seconda Guerra

ha ucciso 55 milioni di persone, ma oggi con questi esseri senza scrupoli al comando di tutto, le vite a rischio sono miliardi!

Hanno creato il sistema coercitivo perfetto, un cocktail  ben studiato di paura, speranza e bugie, che gli italiani (ma non solo) si stanno bevendo alla goccia.

 

Adesso abbiamo anche il folle progetto di illuminare il pianete con decine di migliaia di satelliti irradianti, ma quale FOLLE mente può pensare che questo sia un gesto di buon senso? Come si può pensare di costringere ogni essere vivente del pianeta a sottostare alla volontà di un manipolo di ricchissimi sbalestrati cocainomani ??!!

 

.. Se questo segno verrà superato allora si che tornare indietro non sarà più possibile, lo scioglimento dei ghiacci ed il buco nell’ozono ci sembreranno bazzecole senza importanza a confronto. La mia speranza è che in alcuni paesi, dove la razionalità è ancora presente,  dove il cellulare non ha ancora preso il posto del cervello..elettrosmog

 

..riescano a battersi per una vita dove ancora conta avere dei valori, quelli veri, quelli vecchi come coraggio, onore e dignità.

Ma se questa società del nulla cosmico, basata sul denaro digitale, che mette al comando sempre più banchieri che uomini, dovesse dilagare come sta già facendo, allora l’umanità non avrà scusanti nell’essere stata carnefice di se stessa, non le